Browse Category: Scuola

Come Preparare l’Esame di Letteratura in Estate

Diciamo che studiare non rientra tra i 10 hobby preferiti dei ragazzi! Studiare in estate poi, è ancor meno piacevole… L’esame di letteratura comporta lo studio non solo sui libri, ma anche la lettura dei romanzi e di eventuali poesie. Cosa leggere prima? I romanzi? I libri di testo? E come e quando analizzare i brani delle dispense? Questa guida faciliterà l’organizzazione del tuo studio!

Analizzare il programma della materia L’ultima cosa da fare per preparare un esame è sedersi alla scrivania sommersa dai libri e lasciarsi prendere dal panico! Basta una buona organizzazione e voglia di laurearsi! Il proprio corso di studi viene scelto in base ai propri gusti quindi basta ricordarsi di averlo scelto perchè piace e il gioco è fatto, l’importante è non sentirsi obbligati ma capire che si sta studiando principalmente per se stessi. Ma questo ovviamente vale per ogni materia. Come non lasciarsi prendere dal panico? Prendere il programma della materia e stilare una scaletta in base al tempo di cui si dispone e ai contenuti. Se inizi a studiare in tempo non hai motivo di avere fretta e di stressarti. Studierai molto meglio!

La scaletta. Per preparare un esame di letteratura è necessario studiare il libro di testo, i romanzi e le poesie! Da dove iniziare? Proporsi di studiare almeno 1 o 2 capitoli al giorno. Non aspettare di aver finito il libro di testo per iniziare a leggere i romanzi: basta dedicarvi un paio di ore al pomeriggio, sotto l’ombrellone o la sera prima di andare a letto… prendetele come letture piacevoli. Una volta terminati i romanzi e i libri di testo, e quindi una volta aver acquisito una buona conoscenza della materia, è l’ora di studiare e analizzare le poesie che sono spesso quelle più “antipatiche”, ma avendo già una solida base teorica metà del lavoro è stato fatto!

Studiare. Come leggere i romanzi e il libro di testo? Terminata la lettura di ogni capitolo sarebbe opportuno schematizzare quanto appena letto in modo da facilitare il ripasso, e lo stesso vale per i libri di testo. Hai appena finito di leggere il capitolo ma sei a letto, assonnato, stanco per prendere in mano carta e penna e con la paura di dimenticare tutto non appena sveglio la mattina successiva? Basta avere a portata di mano, un piccolo registratore (mp3, cellulare), e appuntare velocemente il tutto a voce!

Ripassare Una volta terminato lo studio è l’ora del ripasso: prendi in mano la scaletta, gli schemi e gli appunti e inizia col ripetere tutti i capitoli del libro, uno alla volta, intervallando la ripetizione di ogni capitolo con una pausa non troppo lunga. Una volta ripassata “la teoria”, ripetere la trama e l’analisi dei romanzi. Non ne hai completamente voglia? Vai da un tuo qualsiasi familiare o amico e ripeti il tutto a lui come fosse una storia da raccontare. Sarai molto più motivato perchè sai che hai qualcuno di fronte a te che vuole capire bene ciò di cui stai parlando, che magari ti farà domande alle quali tu saprai rispondere e senza che tu te ne accorga è come se avessi già sostenuto il tuo esame, e anche egregiamente. Buona fortuna!

Come Preparare l’Esame di Finanza Aziendale – Consigli Utili

L’esame di finanza aziendale è uno tra i più importanti nelle facoltà ad indirizzo economico. Risulta essere particolarmente consigliato prepararlo nel migliore dei modi, assimilandone bene i contenuti, anche perchè questi sono fondamentali per successivi concorsi o prove di abilitazione professionale.

La finanza aziendale è una materia molto vasta, che però in ogni caso si collega ad altre discipline come la matematica finanziaria e la ragioneria. Rivedi perciò, prima di cimentarti con lo studio della finanza aziendale, i concetti base di matematica finanziaria come quelli di tasso di interesse e di rendita e quelli di ragioneria come la riclassificazione del bilancio ed i relativi indici.

Procurati tutti i libri richiesti dal docente ed esamina inizialmente tutto il materiale sommariamente. Una volta che hai una visione d’insieme, comincia a schematizzare argomento per argomento e cerca di trovare dei nessi tra gli stessi. Aiutati nel tuo lavoro anche con ricerche in internet e bibliografiche. Se non ti sono chiari dei concetti, chiedi al docente od agli assistenti.

Negli eventuali esercizi cerca di essere il più ordinato e preciso possibile, in quanto anche il riporto errato di un dato può portarti a sbagliare l’intero problema. Se la prova che devi sostenere è scritta, informati se puoi usare la calcolatrice scientifica e tavole varie. Dotati di tutto il materiale necessario e durante la prova calcola bene i tempi che hai a disposizione per riuscire a completare il tuo compito.

Come Preparare l’Esame di Diritto Fallimentare – Consigli Utili

L’esame di diritto fallimentare è assai impegnativo per la vastità della materia ed il collegamento della disciplina con altre branche, come quelle del diritto civile e del diritto commerciale. Questa guida ti indica come arrivare alla prova d’esame con la migliore preparazione possibile.

Prima di cominciare con lo studio del diritto fallimentare, riguarda i concetti fondamentali di diritto privato e di diritto commerciale. Procedi, se hai poco tempo a disposizione, anche con un compendio nel ripasso, basta che alla fine ti siano chiari almeno i concetti principali. Poni particolare attenzione al regime di responsabilità che caratterizza i vari tipi di società ed alle relative differenze tra gli stessi.

Segui le lezioni del professore e, se non puoi frequentarle, fatti prestare gli appunti da altri studenti del corso. Prepara con attenzione i testi che vengono consigliati e gli appunti delle lezioni. Recati presso le sedute d’esame precedenti la tua prova, in quanto così ti rendi conto delle domande e del livello di approfondimento richiesto.

Non saltare parti del libro e, quando vengono citate delle sentenze, è utile leggerle attentamente ed analizzare anche la dottrina che si è formata a riguardo. Impara a memoria le definizioni principali e più ricorrenti, in quanto in sede d’esame questo denota preparazione ed impegno. Se hai dei dubbi chiedi all’insegnante od agli assistenti.

Come Preparare l’Esame di Diritto Amministrativo – Consigli Utili

L’esame di diritto amministrativo è una delle prove più importanti, specialmente nelle facoltà di Scienze Politiche e di Giurisprudenza. Risulta essere importante prepararlo al meglio perchè, una volta conseguita la laurea, è una materia richiesta nei concorsi e nelle prove per l’abilitazione professionale di avvocato, notaio e commercialista. Questa guida indica come prepararlo nel migliore dei modi.

L’esame di diritto amministrativo ha inevitabili collegamenti con il diritto pubblico ed il diritto costituzionale. Prima di cominciare lo studio della materia, devi avere ben presenti i concetti più importanti riportati dalla Costituzione ed i principi generali del funzionamento della Pubblica Amministrazione. Informati se la frequenza al corso è obbligatoria. Se ne hai la possibilità, ti consiglio comunque di frequentare, potrai farti così un’idea su cosa punta il docente.

Leggi inizialmente il libro od i libri che sono richesti per la preparazione dell’esame. Mentre procedi nella lettura usa dei post it o segnati su un blocco notes i vari collegamenti che si possono formare tra le varie argomantazioni. Il codice di diritto amministrativo, riportante le principali leggi e sentenze, può esserti molto utile.

Dopo una prima lettura, studia con attenzione tutte le argomentazioni. Se ne hai il tempo, soffermati anche sulle note e sulle diverse interpretazioni degli studiosi. Se l’esame consiste in una prova scritta, chiedi al Dipartimento della Facoltà competente di prendere visione delle prove precedenti. Qualora l’esame è orale, ti consiglio di assistere a qualche prova.

Come Studiare in Modo Efficace

Con un organizzazione e metodo, puoi giungere senza troppa fatica ad ottenere ottimi risultati. Te lo spiego in pochi e semplici passi.

Come prima cosa, devi valutare quanto tempo hai a disposizione: in base a questo, scorrendo rapidamente il materiale da studiare, preparati una scaletta giornaliera che ti consenta di arrivare al giorno dell’interrogazione o dell’esame senza aver lasciato indietro nessun argomento. Nel fare la scaletta, prevedi un paio di giorni, quelli immediatamente prima dell’interrogazione o dell’esame, per ripassare tutto il programma. Mi raccomando, è importante che tu ti imponga di seguire la scaletta giorno per giorno: sgarrare ti potrebbe portare ad accumulare parti di programma che poi potrebbe essere difficile recuperare, compromettendo la tua preparazione.

Inizia con una prima lettura e sottolinea le parti che ritieni più importanti, eventualmente con evidenziatori di colori diversi per aiutarti a ricordare anche grazie alla memoria fotografica. Se ci sono parti che non capisci, non saltarle: fai una breve ricerca su Internet e cerca di rendertele più chiare, oppure chiedi chiarimenti ai compagni o direttamente al professore. Integra gli appunti presi in aula con i libri di testo: spesso solo gli appunti non bastano.

Ogni volta che termini di leggere e sottolineare un argomento, ripetilo ad alta voce, cercando di farlo autonomamente e senza guardare gli appunti. Se trovi qualcuno che ti possa aiutare, ascoltandoti e correggendoti all’occorrenza, otterrai dei risultati ancora migliori. Se devi memorizzare delle formule, esercitati a riscriverle su dei fogli di brutta copia: ti aiuterà a ricordarle meglio. Se ne senti l’esigenza, puoi realizzare, su un quaderno a parte, degli schemi riassuntivi, che ti potranno essere utili in fase di ripasso finale e per focalizzare i concetti maggiormente importanti.