Come Scegliere un Umidificatore

Quando la temperatura esterna precipita, l’umidità esterna e l’umidità all’interno della vostra casa possono scendere rapidamente. L’aumento dell’umidità tramite umidificatori che creino una fresca o calda nebbia, può alleviare una serie di disagi, dalla pelle screpolata alle irritazioni dovute all’allergia, al freddo o a sintomi influenzali. Nemmeno un’eccessiva umidità però è positiva, si deve ottenere il giusto equilibrio.

Esistono tre tipi di umidificatori, a ebollizione, a ultrasuoni o a evaporazione. Il processo differisce, ma tutti e tre i tipi aggiungono umidità all’aria. La scelta tra i tre è in grande parte una questione di preferenze personali. Le gamme di prezzo variano dai 30 ai 200 euro.

Umidificatore ad ebollizione

Questo tipo di umidificatore funziona riscaldando l’acqua a ebollizione, poi emette il vapore risultante. Alcuni umidificatori includono filtri minerali che intrappolano i depositi provenienti dall’acqua. Questi filtri non sono costosi da sostituire, ma hanno bisogno di essere cambiati, questo è un fattore su cui riflettere. Bisogna anche considerare i costi di manutenzione nell’equazione per la scelta di un acquisto. A causa del rischio di ustioni, alcuni pediatri sono assolutamente contrari all’uso di umidificatori a ebollizione con la presenza di bambini.

Sono progettati per creare un umidità calda da acqua riscaldata. Questo tipo di umidificatore con acqua calda, può combattere i batteri o muffe che possono iniziare a crescere o svilupparsi in alcune parti dell’umidificatore, è uno dei motivi per cui l’umidificatore ad ebollizione è considerato uno degli umidificatori più richiesti sul mercato. Gli umidificatori ad ebollizione sono in grado di raccogliere tutti i minerali che si depositano dall’acqua riscaldata e tendono ad emettere umidità positiva e sana perché possono produrre vapore con meno sali minerali rispetto ad altri umidificatori. Questo tipo di umidificatore è perfetto da usare durante l’inverno.

Questo tipo di umidificatore è in genere meno impegnativo degli umidificatori a freddo perché non viene costruito con una ventola. Può leggermente scaldare una stanza se fa freddo e può essere acquistato in dimensioni portatili. Ma l’acquisto di umidificatori ad ebollizione ha anche dei contro, come il fatto che gli umidificatori tendono ad usare più elettricità a causa del loro calore. Non è raccomandato, come già detto, per l’uso in case con i bambini. Questo principalmente perché l’acqua nell’umidificatore può raggiungere una temperatura bollente e potrebbe essere un serio pericolo per i bambini. Sia umidificatori caldi che freddi, richiedono una frequente manutenzione e pulizia.

Umidificatori a freddo

Poi ci sono gli umidificatori a freddo. Ci sono tre tipi di umidificatori a freddo, ad evaporazione, ad ultrasuoni, e giranti. Gli umidificatori a freddo sono più soggetti a fare crescere muffe e batteri, sono in grado di sviluppare funghi e devono essere puliti ed igienizzati regolarmente. Quando si utilizzano gli umidificatori a nebbia fredda che richiedono una ventola, come gli umidificatori ad evaporazione, si deve sostituire il suo filtro regolarmente. Gli umidificatori a nebbia fredda sono la scelta perfetta per umidificare grandi aree nella vostra casa o edifici.

Umidificatori ad evaporazione

I modelli di umidificatori a evaporazione utilizzano un ventilatore per soffiare l’aria su un filtro bagnato. Gli umidificatori ed evaporazione, aumentano l’umidità con un filtro o stoppino. L’acqua che si trova nel suo serbatoio (ciotola contenitore) fluisce al filtro o stoppino, e viene poi soffiata nella ventola e si trasforma in una nebbia fredda o calda.

Ad ultrasuoni

Un umidificatore ad ultrasuoni utilizza la tecnologia a vibrazioni per abbattere l’acqua in piccole goccioline dando poi luogo a particelle di umidità fredda. In pratica, gli umidificatori ad ultrasuoni utilizzano un nebulizzatore vibrante per emettere l’acqua. L’umidificatore a ultrasuoni è molto più silenzioso di un umidificatore per evaporazione.

Uno dei fattori da tenere in considerazione è assicurarsi che il modello scelto sia facile da pulire. Infatti, gli umidificatori possono portare batteri, se non puliti regolarmente.

Per quanto concerne i vantaggi, gli umidificatori a freddo non richiedono una grande quantità di elettricità come gli umidificatori a caldo. Questi umidificatori possono essere acquistati in dimensioni portatili. Invece per quanto concerne i contro, bisogna precisare che gli umidificatori a freddo sono più soggetti a fare crescere muffe e batteri. Quando si utilizzano umidificatori a nebbia fredda che richiedono una ventola, come gli umidificatori ad ebollizione, come già accennato, bisogna sempre ricordarsi di sostituire il suo filtro regolarmente.

Per dettagli sui vari modelli è possibile fare riferimento al sito Umidificatoreok.com.

Come usare i differenti tipi di umidificatori

Se un umidificatore a nebbia calda viene utilizzato in una casa con i bambini, assicurarsi sempre che sia collocato in un luogo sicuro fuori dalla portata dei bambini. A causa del loro vapore, gli umidificatori a vapore caldo possono rendere la stanza più calda. Al contrario, quando il suo ventilatore è acceso e l’apparecchio è in funzione, gli umidificatori a nebbia fredda possono rendere la stanza più fresca. Pertanto, si può scegliere il vostro umidificatore anche in base al clima che si vuole creare e di quello in cui si vive. Ad esempio, se si vive in una zona a clima moderatamente caldo, si può trarre vantaggio dall’utilizzo di un umidificatore a nebbia fredda; e se si risiede in una zona relativamente fredda, un umidificatore caldo sarebbe migliore nel soddisfare le vostre esigenze.

Scegliere l’umidificatore in base alla stanza

Idealmente, l’umidità interna dovrebbe essere dal 30 al 50 per cento. Ma senza assistenza di umidificazione, tale livello può scendere al 10 per cento in inverno. L’aria fredda detiene meno umidità e si asciuga ancora di più quando riscaldata da forni o fuochi di legna. Per determinare il formato di umidificatore di cui avete bisogno è un umidificatore, bisogna misurare la metratura della stanza. Basandosi sul formato di cui avete bisogno, è possibile acquistare una vasta gamma di stili di umidificatore. Gli umidificatori dall’emissione debole, intorno o al di sotto dei 200 ml/h, sono adatti ad ambienti piccoli, al di sotto dei 20 mq. Invece gli apparecchi dall’emissione più corposa, di 400 ml/h o più, possono servire efficacemente stanze fino a 50-60 mq. Gli umidificatori ad ebollizione sono ideali per stanze piccole, ma quelli ad ultrasuoni o per evaporazione, in termini di console umidificatori, generano un sacco di aria umida. Gli umidificatori ad ultrasuoni sono molto più utili nella stanza, rispetto agli altri perché hanno un ventilatore per un nebulizzatore vibrante. Alcuni modelli da tavolo ad ebollizione, fanno poco o nessun rumore e al di là di suoni lievi del bollore sibilante. Esistono anche umidificatori grani per spazi superiori ai 100 mq.

La chiave per far funzionare correttamente un umidificatore, è la sua manutenzione e la sua pulizia. Il mantenimento di un umidificatore è semplice: è necessario tenerlo pulito. Così si deve cercare un tipo di umidificatore che è facile da mantenere pulito e che sia possibile scolare, lavare, asciugare anche ogni giorno. Ogni settimana, bisogna rimuovere eventuali residui visibili con aceto, disinfettare con una soluzione di candeggina seguendo le istruzioni del produttore, quindi risciacquare abbondantemente.

Lascia un commento