Come Studiare un Capitolo di Italiano o di Storia Velocemente

Devi andare all’interrogazione e non sai come fare? Cerchi il metodo di studio ideale per studiare anche capitoli lunghi nel più breve tempo possibile? Ecco la guida che fa per te: imparerai a schematizzare velocemente i capitoli di storia e italiano e studiare in poco tempo.

Sei davanti ad un capitolo di storia, italiano, geografia o altro e non sai come studiarlo? Hai una mole enorme di studio e non sai come smaltirlo? Ecco la guida che fa per te. Innanzitutto è necessario armassi di evidenziatori colorati, che serviranno per sottolineare le cose importanti del capitolo da dover necessariamente ricordare.

Leggete attentamente il capitolo e sottolineate con un evidenziatore tutto ciò che ritenete importante, andando avanti fino alla fine del capitolo. Gli eventi principali, i nomi dei protagonisti, le date, le cause che hanno portato ad un determinato evento storico o letterario e gli effetti di ciò che state studiando.

Una volta sottolineato, tornate indietro e fate una piccola mappa concettuale, su quaderno o al lato del libro, mettendo i nomi e le date importanti e tutto ciò che dovete ricordare. Ciò vi aiuterà a memorizzare molto più facilmente. Infine ripetete almeno due o tre volte l’argomento per acquisire una buona padronanza di linguaggio e ovviamente dell’argomento.

Tagliatelle con Radicchio e Rucola

Oggi avevo voglia di preparare qualcosa di buono. Uno di quei piatti che quando è pronto lo assaggi e ti stupisci di te stessa per quanto sei brava.

Ecco, oggi avevo proprio voglia di sentirmi così. Ho aperto il frigo e la scelta non era molta, ma ho deciso di improvvisare una pasta con le tagliatelle all’uovo con il radicchio e la rucola, il tutto insaporito dal caprino.

radicchio

Leggera, veloce da preparare, perfetta per la dieta mediterranea

Ingredienti
tagliatelle all’uovo, 250gr

radicchio rosso, 1 cespo

rucola, 1 mazzetto

caprino dolce, 170gr

porri, 1

noce moscata

vino bianco, mezzo bicchiere

parmigiano

sale, pepe, olio

Preparazione
Iniziamo la nostra ricetta lavando il radicchio e la lattuga e tagliandole a julienne.

Prendete una pentola e fate imbiondire il porro tritato in un filo di olio. Unite quindi le verdure e fatele sfumare con il vino bianco. Aggiustate di sale e di pepe. Aggiungete quindi il formaggio caprino, il parmigiano e un pizzico di noce moscata. Mescolate il tutto finché il caprino non si sarà sciolto per bene e i sapori amalgamati del tutto.

Aggiungete le tagliatelle all’uovo e spadellate per un minuto circa.

Il tocco in più? Serviteli in una foglia grande di radicchio rosso: renderete il piatto ancora più piacevole alla vista.

Come Togliere l’Umidità in Casa

In questa guida mettiamo a disposizione alcuni consigli utili su come togliere l’umidità in casa.

Oggi sono disponibili elettrodomestici appositi, relativamente ai quali è possibile vedere questo sito sul deumidificatore, ma è possibile anche intervenire senza l’utilizzo di questi strumenti.

deumidificare

Vediamo cosa bisogna fare.
Per iniziare, è importante sapere che alcune abitudine favoriscono la formazione dell’umidità in determinate stanzo, come bagno e cucina.
Per evitare questi problemi, è possibile utilizzare una ventola nel momento del bagno e della doccia.
In cucina è invece importante utilizzare la cappa quando sono presenti pentole che emettono molto vapore.

Utile può anche essere aprire leggermente la finestra quando si cucina, in modo da favorire l’asciugatura dell’umidità.
Questa regola è valida anche per il bagnno e la doccia.

In generale, le finestre dovrebbero essere aperte per qualche minuto utti i giorni, specialmente nelle giornate di sole.

Un altro consiglio è quello di evitare di posizionare lo stendino con panni bagnati all’interno delle stanze.
Questa attività favorisce infatti la formazione di umidità.

Anche l’annaffiatura delle piante può creare umidità.
Le piante dovrebbero essere quindi annaffiate solo quando è necessario, evitando che si formino accumuli di acqua nel sottovaso.

Se l’umidità è comunque presente, è possibile creare un deumidificatore utilizzando materiali presenti in casa.
In particolare, è possibile prendere una bottiglia di plastica e dividerla ind ue parti.
All’interno bisogna poi inserire sale grosso, 150 grammi possono deumidificare una stanza di cinque metri per cinque metri.

Seguendo queste indicazioni è possibile limitare l’umidità in casa.

Come Tenere in Ordine l’Armadio

Chi non ha mai sognato un armadio con tutti gli indumenti in ordine come se si trovassero all’interno della boutique dove sono stati acquistati. Solo che spesso questo risulta un’utopia difficile da realizzare: eppure basta un po’ di impegno per riorganizzare il tuo guardaroba. Ecco come fare.

Avere il proprio armadio in disordine, oltre che sgradevole esteticamente, ti fa perdere più tempo per vestirti, visto che scegliere gli abbinamenti diventa a volte un’impresa titanica, e ti fa incorrere in degli strafalcioni, come quello di acquistare un doppione che possiedi già, ma di cui ti eri dimenticato perché posto in fondo all’armadio da chissà quanto tempo.

Per prima cosa puoi votare l’armadio e fare una scelta dei capi, eliminando quelli che non metti da almeno tre stagioni: se sono ancora in condizioni discrete puoi darli in beneficenza oppure venderli tramite qualche sito apposito su internet. Quindi inizia a mettere tutto in ordine: copiando l’allestimento di un negozio di boutique puoi dividere gli indumenti che possiedi per tipologia separando quelli che usi tutti i giorni da quelli che indossi per le grandi occasioni.

Puoi anche dividere la lingerie, questa volta meglio per colore, in modo che ti sarà più semplice e veloce trovarli ed abbinarli: cerca anche di usare un appendiabito per ogni capo, in modo da non farlo troppo stropicciare. A tal proposito è meglio che non adoperi le grucce di lavanderia, ma che usi grucce più solide dotate anche di barra, in modo da riporre così anche i completi ed i tailleur. Per le gonne ed i pantaloni singoli, puoi usare le grucce a pinza, appesi per l’orlo. Le camicette, infine, restano impeccabili solo se riposte in grucce che hanno la stessa larghezza delle spalle della predetta camicia, e se vengono abbottonati i primi bottoni.

Scaloppine di Vitello all’Arancia

La carne di vitello è conosciuta per essere molto morbida, nonché delicata al palato. Molte volte si fa fatica a trovare una ricetta che riesca ad esaltarne il gusto.

Ho provato questa ricetta, in cui si accosta alla carne il sapore intenso degli agrumi. Il risultato è stato incredibile. E ve lo posso assicurare: è perfetta per la dieta.

arancia

Ingredienti
fesa di vitello, 500gr

burro, 1 noce

marsala, 1 cucchiaio

arance, 2

farina

sale, pepe

Preparazione
Iniziamo la nostra deliziosa ricetta prendendo la farina e impanando le fettine di vitello. Mettetele quindi in una padella con il burro sciolto e fatele rosolare finché l’impanatura inizia ad indorarsi da entrambi i lati.

Versate quindi nella pentola il Marsala e la buccia di un arancia grattugiata. Mescolate bene e procedete con la cottura. Versate quindi il succo delle due arance sopra la carne e fate cuocere il tutto per un paio di minuti.

Una volta pronte, servite le vostre scaloppine nel piatto ancora ben calde, accompagnate dal sugo di cottura.

Il tocco in più? Decorate il piatto con la scorza dell’altra arancia, magari tagliandola a julienne