Browse Category: Fai da Te

Realizzare una Lumaca di Spugna

Per creare una piccola e tenera lumaca decorativa di spugna, vi consiglio di leggere il semplice e pratico procedimento qui illustrato. Si tratta di realizzare un morbido e colorato animaletto di spugna fai da te. Tale piccola e simpatica creazione, può esser usata come ottima idea regalo.

Per iniziare, sulla carta modello tracciate con la matita le varie parti del corpo di una piccola lumaca, e poi ritagliatele dalla spugna colorata. Intanto, disegnate la sagoma del fianco del corpo e della chiocciola, che vanno ritagliate sul tessuto doppio. Cucite quindi a punto indietro, due a due, i fianchi della lumaca, lasciando un apertura per l’imbottitura.

A questo punto, unite i due pezzi della chiocciola, rivoltate il tessuto e chiudete, sempre lasciando una piccola apertura. Dopo di ciò, eseguite una filza a circa 1 cm dal bordo e stringete. Questa filza, va fissata bene, e dopo appoggiate la chiocciola creata in posizione, imbottendola leggermente con ovatta e richiudendo l’apertura.

Intanto, col filo in tinta cucite la piccola chiocciola, impuntandola a forma di spirale. Infine, imbottite il corpo della lumaca, richiudete e poi fissate la chioccola al corpo, con punti nascosti. Per finire, rifinite i particolari del viso, cucite quindi due perline nere al posto degli occhi, con due pezzi di fil di ferro fate le due antennine, applicando ai due estremi liberi due perline, e infine con ago e filo di lana, ricamate il naso e il sorriso.

Come Trasformare il Vetro Trasparente in Vetro Smerigliato

Volete cambiare la vostra finestra o lastra di una porta in vetro smerigliato. Non è necessario acquistarne uno, ma potete utilizzare quello trasparente e trasformarlo in vetro smerigliato, come? Con pochi e semplicissimi passi che in questa guida vi ho elencato.

Come prima cosa, prendiamo la lastra di vetro normale che andremo a trasformare in lastra di vetro smerigliata, puliamola per bene con del prodotto per vetri oppure con dell’alcol etilico, adagiamola senza graffiarla in modo orizzontale, aiutiamoci con un tavolino oppure due sedie messe frontali e proseguiamo.

A questo punto prepariamo un semplice impasto. Prendiamo una pentola, e dentro ci facciamo bollire per circa 2 minuti, della birra e del sale amaro, reperibile tranquillamente in qualsiasi farmacia, mentre cuoce giriamo con un mestolo in modo che si formi un impasto ben amalgamato, portato a ebollizione togliamo dal fuoco.

Facciamo raffreddare il nostro impasto, che non deve essere ne troppo denso ne troppo liquido. Per concludere, una volta raffreddato l’impasto, bagnarci dentro un pennello e coprire completamente tutta la superficie e ambo ai lati della lastra. Attendiamo che l’impasto sia asciutto e il gioco è fatto! Avrete una lastra smerigliata

Come Trasformare una Tegola in un Portalumi

Una semplice tegola, si può trasformare in un elegante e originale portalume, seguendo le semplici e pratiche indicazioni tecniche qui riportate. Si tratta di realizzare un oggetto di decoro elegante, rustico e colorato da esporre dove desiderate, per illuminare in modo diffuso un angolo della vostra casa.

Iniziate forando con un trapano, la tegola in due punti prestabiliti, per fissare l’angolare a forma di L e il filo elettrico. Quindi fissate i tre angolari portalampada nella posizione da voi stabilita, usando i bulloni e i rispettivi dadi per fissarli. Quindi con l’aiuto di un pennellino piatto, stendete un colore acrilico simile alla tegola, e fate asciugare.

A questo punto decorate la vostra tegola portalumi, ritagliate quindi dalla carta stampata i motivi decorativi che preferite, usando le forbici appuntite e con abbondante colla, posizionate i vari decori di carta sul vostro oggetto, in modo decorativo e armonico. Poi con l’aiuto di una spugna umida, stendete bene i decori contro la tegola per farli aderire e incollare bene.

Per completare, passate altra colla sopra le immagini decorative, con un pennellino e successivamente stendete del bitume sopra i decori e in tutta la tegola. Infine, usate lo spray opaco finale per proteggere il vostro lavoro e fate asciugare. Terminate la vostra tegola portalumi, fissando i portalampade, i fili e le lampadine

Come Utilizzare un Cassetto per Fare un Orto in Casa

Il giardinaggio è un ambito molto variegato che racchiude sia enormi alberi secolari che piccole piante: se questo settore viene associato ad ingegno e fantasia, si possono creare vere e proprie opere d’arte in verde, come un orto in miniatura, collocato dentro un piccolo recipiente da coltivare in casa o all’aperto, facile da trasportare e alla portata di tutti, anche dei bambini.

Prendi un cassetto di un mobile in disuso, ma va bene anche una cassetta di frutta e perfino un vecchio acquario, e foderane i lati con alcuni fogli di carta stagnola: se il fondo di questo recipiente è in legno provvedi ad aprire qualche piccolo foro. Inizia ora a creare lo strato su cui poi andrai a seminare: prima del terriccio (ogni tipologia di pianta richiede un particolare tipo di terra), metti sul fondo del recipiente ghiaia e sassolini, con funzione di drenaggio per le costanti innaffiature, indispensabili per far crescere le piantine.

Scegli quale tipo di semi hai interesse a coltivare: personalmente ti consiglio erbe aromatiche facili da coltivare e che crescono facilmente, come la menta, il timo e l’orzo: inoltre saranno molto utili anche in ambito culinario. Sta a te ed alle tue capacità ed esperienze di giardinaggio decidere se innestare piantine già esistenti (in questo caso devi fare un travaso) oppure provare a piantare dei semi, distribuiti in maniera uniforme e poi ricoperti con un po’ di terra: non dovrai attendere molto per vedere spuntare i primi germogli.

Oltre a essere utile, un orto aromatico deve anche essere ben curato: nelle giornate più calde non far mancare mai l’acqua alle piantine: per un’ottima resa ti consiglio di vaporizzarla con uno spruzzino e di potarle, periodicamente, partendo sempre dalla base. Se non ti manca la fantasia e la creatività, puoi realizzare stradine, palizzate, aiuole, ovvero dei percorsi in miniatura: per realizzare ciò puoi utilizzare sassolini, rametti e piccoli oggetti messi ad hoc per rendere il tutto più scenografico.

Come Trasformare l’Incasso da Frigo in Dispensa

In cucina hai un frigo congelatore ad incasso e si è guastato. Non riesci a trovare un frigo nuovo che possa prendere il posto del vecchio. Devi optare, volente o nolente, per un frigo a vista. Cosa farne allora di quel grande mobile cassone rimasto completamente vuoto? Con qualche modifica vediamo come sia possibile recuperarlo per farne una dispensa funzionale.

Come saprai, o avrai avuto il modo di constatare una volta tolto il vecchio frigo, il mobile, che in genere lo contiene, nella parte posteriore risulta completamente privo di un qualsivoglia pannello di chiusura. Quindi bisogna innazitutto provvedere a metterne uno.

Distacca il cassone dal blocco cucina a cui è aggangiato. All’interno di esso troverai delle viti, dovrai svitarle tutte, sia quelle che lo tengono fermo ai pensili che quelle ai mobili base. Una volta che avrai fatto questa operazione, coricalo completamente a terra su un fianco e, nella parte retrostante, col metro prendi le misure in altezza e larghezza del vuoto, più il bordo.

Portati in un centro di Brico e qui compra un pezzo di compensato che farai tagliare, nel reparto falegnameria annesso, sulla base delle misure che hai riportato sul foglietto. Una volta a casa, monta il pannello sul retro. Puoi usare dei piccoli chiodini, o una spillatrice da tappezziere, oppure solo della colla.

Ora devi pensare ai vari ripiani, che magari potrai anche ricavare da altri messi in deposito in garage, appartenenti ad un armadio ormai in disuso o altro. Comunque in caso di non disponibilità, puoi comprarli e farli tagliare secondo le misure riportate all’interno del mobile. Oltremodo ne approfitterai per la compera dei necessari tasselli reggipiano in plastica.

Con il materiale a disposizione non ti resta che il montaggio. Ti si richiederà pazienza e di accortezza per la messa in opera dei tasselli reggipiani, che sono in ragione di 4 per ogni ripiano. Essi vanno posizionati ben allineati in modo che, all’atto della posizione, ciascun ripiano poggi perfettamente su tutti e quattro.

Quindi, con l’aiuto di riga e squadra, segna con un pennarello i punti esatti per il loro posizionamento. Messi i poggiamensola, il grosso del lavoro è fatto. Risistema il cassone nel posto dove era locato. Riavvita le viti di tenuta al blocco cucina e la tua dispensa è bella e pronta. Ricorda che, per motivi di peso, sicurezza e stabilità, quando disporrai in essa tutta la roba, è preferibile che metta le confezioni molto pesanti in basso