Browse Category: Fai da Te

Come Fare Correttamente il Serraggio delle Viti

Fra le cose che mi danno più soddisfazione di sicuro ci sono i miei piccoli lavoretti di fai da te, con i quali, pian piano, sto abbellendo la mia casa e il mio giardino. Quando si svolgono lavori di fai da te però è necessario avere delle basi su determinate operazioni, che seppur semplici, sono essenziali per la riuscita dei nostri lavoretti. In questa guida descrivo come deve avvenire il serraggio delle viti.

La prima cosa da fare è quella di assicurarvi che la punta del vostro cacciavite sia in buone condizioni e che si adatti perfettamente alla fessura nella testa della vite. Una lama troppo stretta o arrotondata danneggia infatti la fessura, mentre se è troppo larga, danneggia il legno nell’introdurre la vite. In alcuni casi, quando si lavora su materiali delicati, la forza applicata deve essere calibrata in modo corretto. In queste situazioni serve uno strumento come la chiave dinamometrica, che si blocca quando viene raggiunto un determinato serraggio della vite.

In alternativa al cacciavite classico potremmo utilizzarne uno di tipo automatico, che trasformerà così i movimenti verso il basso del manico scorrevole in una rotazione della punta. Cosi, in maniera semplice, riusciremo, spingendo con una certa forza, ad avvitare e svitare molto rapidamente la vite. Quando useremo così il cacciavite automatico dovremmo tenerlo fermo con entrambe le mani, una sul manico e l’altra sull’anello zigrinato proprio al di sopra della punta.

State molto attenti a non perdere il controllo del cacciavite automatico. Infatti una perdita di controllo dell’attrezzo potrebbe far si che la lama scivoli via dalla fessura della vite, danneggiando in modo il legno. Procediamo a lubrificare leggermente le filettature delle viti con un po’ di cera per pavimenti o cera di candela, questo ci permetterà di avvitare le nostre viti più facilmente.

Come Eliminare Macchie e Bruciature dai Mobili Antichi

Dai mobili antichi è possibile eliminare macchie e bruciature, rimettere a posto i pezzi staccati e perfino ricostruire le parti mancanti. Prima di relegare in soffitta un vecchio mobile un pò rovinato, conviene tentare un restauro. Spesso, infatti, la cosa non è poi tanto difficile. L’importante è che, analizzato minuziosamente il pezzo, sappiate in che modo intervenire.

Occorrente
Carta abrasiva di varie grane dal n. 100 al n. 400
Raschietto con lame di ricambio
Scalpelli di varie misure
Coltello per impiallacciatura
Coltelli per differenti lavori di intaglio
Pietra per affilare o Cote
Sega per piallacci
Tinture per legno
Matita morbida
Sega a traforo a mano o elettrica
Trapano con fresa su albero flessibile
Vernice opaca o lucida
Colla vinilica
Lana d’acciaio
Lacca
Per prima cosa vi devo dire di star attenti al raschietto, deve avere sempre delle lame di ricambio perchè con le lame smussate potrete infatti levigare le superfici che intendete restaurare. Vi saranno necessarie ovviamente anche delle tinture per legno di varie tonalità in modo che possiamo realizzare l’esatta miscela che vi occorre, ovvero quella che più si avvicina alla tonalità del mobile. Esistono in commercio delle bustine contenenti pochi grammi di colore che può essere sciolto e si adatta proprio allo scopo.

Per ripristinare un pezzo mancante, piallate un pezzo di legno delle stesse dimensioni. Riportate sul legno il disegno del pezzo sano con una matita morbida, che va tenuta inclinata. Con la sega da traforo a mano o elettrica si intaglia il pezzo nuovo. I vuoti si realizzano passando da parte a parte la superficie con una punta da 8 mm, inserendo all’interno del foro la lama e si procede all’intaglio.

Con delle punte adatte si esegue il primo intaglio grezzo. Si perfezionano tutte le scanalature con una fresa innestata su un albero flessibile del trapano. Esistono, infatti, delle frese a smeriglio di varia grandezza e granulazione. Una volta realizzato il pezzo lo si tingerà con un mordente dello stesso colore del mobile. Trattatelo poi con una vernice opaca o lucida, quindi si inserisce al suo posto il nuovo pezzo con colla vinilica.

Per togliere le macchie scure basta togliere del tutto il vecchio piallaccio, servendovi del raschietto con lame di ricambio. Comprate il piallaccio più adatto ad intonarsi con il mobile. Lo incollerete poi, dopo aver tolto quello vecchio. Tra il piano di pressione e l’impiallacciatura inserite dei giornali. Gli angoli scollati si possono riattaccare. Intagliate nel senso della venatura il punto scollato, poi sollevate i lembi e ripassateci sotto la colla. Usate questo sistema anche per eliminare le bolle d’aria.
Quando la colla sarà asciutta, rifilate l’impiallacciatura. Levigate la nuova superficie prima con carta abrasiva n. 100 e poi con una. 240. Smussate gli angoli con cura. Passate il mordente scegliendo il colore adatto.

Per togliere le macchie di bruciato staccarne una striscia tagliando la vecchia impiallacciatura nel senso della venatura del legno. La nuova striscia deve essere simile al legno originale.Tagliatela ed incollatela sulla superficie con cura. Quando sarà asciutta, passateci sopra il mordente, ma prima provatelo su un pezzo di legno di scarto per ottenere il colore giusto. Per eliminare le screpolature su superfici trattate con lacca, togliete le vecchie scaglie, poi riempite gli spazi di lacca. Passate più mani. Infine, levigate le superficie con lana d’acciaio con movimenti circolari. Date la lacca con la pistola a spruzzo per ottenere una laccatura uniforme.

Come Decorare Scatola in Vetro con Fiori Pressati

Le scatole in vetro sono oggetti facilmente reperibili nei negozi di articoli per la casa, ma anche nelle cineserie. Si prestano a essere decorate sia all’interno che all’esterno, seguendo su ogni lato una decorazione diversa. Otterrete così un originale portagioie.

Occorrente
Scatola di vetro con coperchio
Fiori e foglie secchi pressati
Pennellino piatto con setole morbide
Pennello spugna morbido
Colla velo
Pinzetta
Confezione per cracklé sottile
Porporina scurente
Panno morbido

Scegliete i fiori e le foglie per la decorazione, appoggiandoli sulla superficie prima di incollarli per disporli in modo ottimale, secondo il vostro gusto. Iniziando dai fiori che si desidera avere in primo piano, incollate la decorazione all’interno della scatola; spennellate delicatamente le parti sulla pagina superiore con la colla velo stesa con il pennellino di setole morbide, quindi afferrandoli con le pinzette, posizionateli in modo che siano visibili dall’esterno.

Completate la decorazione avendo cura di sistemare alcuni fiori e foglie in modo che siano visibili a coperchio sollevato. Lasciate asciugare bene. Con un pennello piatto asciutto distribuite una generosa mano di Step 1 per cracklé sottile sulle pareti interne della scatola. Attendete poi per 30 minuti circa che il prodotto asciughi completamente.

Stendete quindi una mano di Step 2 per cricklé sottile, sempre utilizzando un pennello piatto, pulito e asciutto. Quando la superficie sarà completamente asciutta appariranno le crepe; passate sulla finitura cracklé il pennello spugna piccolo intinto nella porporina, eseguendo una sorta di “massaggio” per farla penetrare all’interno delle crepe evidenziandole. Eliminate poi l’eccesso di porporina con un panno morbido.

Come Decorare Scatola di Cucito

Devi sapere che in molte guide mi sono occupata volentieri di decopupage. Infatti, a mio avviso il decoupage è una tecnica molto valida per quanto riguarda la decorazione. A questo proposito in questa guida ti elencherò le operazioni che dovrai fare per poter decorare una scatola di cucito. Provare per credere.

Occorrente
Una scatola di cartone blu
della carta stampata con immagini di attrezzi da cucito
Ciotola vinilica
pannospugna
Forbici da ricamo
Forbici da manicure
Bottoni di plastica bianchi e colorati
Colla universale
Pennello piatto medio grande
Vernice lucida all’acqua

Dopo che ti sei procurato tutto l’occorrente di cui hai bisogno, la prima cosa che dovrai fare è quella di tagliare le immagini utilizzando le forbici da ricamo. Mi raccomando, dovrai ritagliare le immagini dai contorni arrotondati. Dopo aver fatto questo, dovrai prendere il pennello piatto e dovrai stendere la colla sul retro del primo ritaglio da attaccare, il metro.

A questo punto, dovrai muovere il pennello dal centro verso le estremità. Posiziona il metro a 2 cm dal bordo inferiore della scatola, quindi stendi sopra altra colla vinilica per eliminare eventuali grinze e bolle d’aria. Successivamente, dovrai incollare qua e là i rocchetti colorati e i bottoni, quindi incolla il cestino da lavoro sul coperchio.

A questo punto, dovrai stendere una mano di soluzione di colla su tutta la scatola e poi dovrai tamponare prima con il panno-spugna inumidito poi con il panno asciutto senza strofinare. Lascia asciugare 3 ore, quindi stendi a distanza di 4 ore l’una dall’altra due mani di vernice e lascia asciugare 5 ore. A questo punto incolla i bottoni veri sul coperchio della scatola posizionandoli in ordine sparso. Alcuni incollali sovrapponendoli a quelli stampati sulla carta stessa.

Come Decorare la Ceramica con Tecnica della Filettatura

La filettatura è una tecnica decorativa che viene spesso usata per quel che riguarda la decorazione delle maioliche. Si effettua principalmente con un pennello e con una torniella, ma non solo. Qui troverai tutte le informazioni utili al tuo caso.

Se vuoi effettuare la filettatura devi poggiare il pezzo da decorare su un tornio per ceramica che deve essere azionato a mano, poi mentre fai girare il pezzo di argilla devi tenere fermo il pennello sulla zona che intendi decorare. In questo modo riuscirai a ottenere delle linee molto precise che possono risultare sottili o grosse.

Per effettuare la filettatura non tutti i pennelli vanno bene, io ti consiglio di procurarti un pennello morbido che abbia possibilmente una riserva. Taglia le setole di questo pennello a metà dallo loro lunghezza e lascia intatte solo le setole centrali del pennello. In questo modo la parte superiore funge da riserva per le setole più lunghe.

Con la filettatura puoi facilmente definire linee e spazi in base al tipo di tratto che riesci a ottenere, Cambia diverse volte i pennelli e i colori, che devi sempre avere a portata di mano. Quando hai finito di decorare, devi far essiccare il tutto e poi solo dopo aver fatto seccare tutto, puoi cuocere il pezzo a circa 900 gradi.