Browse Author: Luca Tonelli

Come Fare la Partenza in Salita con l’Automobile

La partenza in salita crea un pò di difficoltà, però è indispensabile, perchè a volte ci si può trovare fermi davanti ad un semaforo e ripartire con il verde, su una strada con una difficoltosa pendenza. La scuola guida insegna due partenze in salita quella con il freno a mano, quella senza freno a mano.

Finalmente ti trovi nella condizione di dovere partire e avere come ostacolo la salita. Che fare? Non farti prendere dal panico, mantieni la calma, tranquillo, bastano pochi movimenti per superare la difficoltà in grande stile. Prima di tutto il freno a mano deve essere disinserito e la marcia in prima. Tieni il piede destro sul freno e quello sinistro sulla frizione ed entrambi completamente schiacciati. Alza leggermente il piede sinistro dalla frizione, l’auto comincerà a vibrare, a questo punto alza il piede destro dal freno.

Se l’auto tende ad andare in avanti, abbassa leggermente la frizione,se l’auto tende ad indietreggiare alza leggermente la frizione. Quando alzando il piede destro dal freno l’auto non si sposta, significa che ha raggiunto il suo equilibrio a questo punto schiaccia l’acceleratore fino a togliere la vibrazione, metti la freccia sinistra, controlla dallo specchietto laterale se sopraggiunge qualcuno, alza il piede dalla frizione, e l’auto comincerà a muoversi, a questo punto premi l’acceleratore e alza tutta la frizione. Questa è una partenza senza freno a mano.

Può succedere però di dover partire in salita usando il freno a mano. In genere quest’ultimo metodo è quello più usato, però dipende dalla familiarità che si prende con l’auto e con i pedali. La partenza in salita con freno a mano non differenzia molto da quella senza freno a mano. Il freno a mano deve essere inserito e la marcia in prima. Il piede sinistro deve stare sulla frizione e il destro sul freno, entrambi schiacciati.

Sposta il piede destro dal freno sull’acceleratore e manda un pò su di giri l’auto. Quando riesci a trovare il punto fermo, alza appena il piede dalla frizione, l’auto comincerà ad alzarsi davanti, a questo punto togli il freno a mano, metti la freccia a sinistra, e accelera leggermente. In genere le agenzie di scuola guida hanno l’automobile a diesel, il problema può sorgere quando guiderai un’auto a benzina, in questo caso è più facile che si spenga, con un diesel l’operazione risulterà più facile. Devi tenere conto anche della pendenza della salita,naturalmente se si tratta di una leggera pendenza “la spinta” dovrà essere minima.

Come Spaccare la Legna

Per gli appassionati dell’inverno, niente è meglio che lo scoppiettio del fuoco nel camino.
Ovviamente per godere di questa sensazione, oltre al camino, vi occorrerà della legna da ardere, che potete comprare già tagliata o preparare da soli risparmiando.

Vediamo allora come tagliare la legna. In questa guida parliamo di legna di piccoli dimensioni, da tagliare manualmente.
In ambito professionale si utilizzano strumenti diversi, come lo spaccalegna a vite, decisamente costosi.

Per un utilizzo casalingo, per tagliare il taglio della legna vi servirà un’ascia dotata di mazza solida e cunei di dimensioni differenti, che siano quindi adatti ai diversi tipi di legno da tagliare.
Per spaccare in modo sicuro la legna, bisogna appoggiare il ceppo o su un piano rialzato, che deve però essere stabile, e posizionare il cuneo al centro.
A questo punto bisogna dare un colpo deciso sul cuneo in modo che penetri nel legno e faciliti la divisione del legno.
Nel caso in cui questo non succeda, è possibile ripetere l’operazione utilizzando dei cunei più piccoli, fino alla completa divisione del ceppo.

Una volta rotto il ceppo in due parti, se si vogliono ottenere dei pezzi più piccoli di legno, è possibile continuare con la stessa tecnica, fino a quando non si ottiene il risultato che si desidera.
L’importante è fare tutto attenzione e mantenendo la postura corretta. Infatti, se piegate le ginocchia, divaricando le gambe, prima di sferrare il colpo, vedrete che riuscirete con semplicità ad imprimere maggiore forza.

Se non si vogliono utilizzare strumenti come i cunei, è possibile sferrare i colpi direttamente sul ceppo, ma in questo caso diventa importante indossare dei guanti da lavoro degli occhiali protettivi, per schermarvi da eventuali schegge di legno.

Come Preparare Pasta al Salmone

La pasta al salmone è un piatto apprezzato da tantissime persone, è facile da preparare e non occorre molto tempo. Risulta essere ideale come piatto unico, da servire ad amici che apprezzano il pesce. E’ importante la scelta di un buon salmone, non sceglietelo economico perchè anche il risultato cambierà radicalmente.

Occorrente
Salmone
Mezze penne rigate
Panna
Prezzemolo
Cipolla

Fai soffriggere pezzetti di cipolla insieme a un filo di olio in un pentolino a fuoco lento. Nel frattempo tagliuzza il salmone in tanti piccoli pezzetti. A poco a poco aggiungi il salmone alla cipolla cosi si insaporirà. Mescola per un po’ di minuti con un cucchiaio di legno e tieni sempre il fuoco basso.

Quando il salmone si sarà colorito, aggiungi la panna, io consiglio l’intera confezione, ma dipende per quante persone stai preparando il piatto. Continua a mescolare on il cucchiaio e aggiungi un pizzico di sale e un pizzico di pepe. Non fare in modo che la panna inizi a bollire, devi solo riscaldarla, quindi dopo pochi minuti spegni il fuoco.

Nel frattempo avrai preparato la pasta. Scolala quando è ancora al dente, versala poi in una padella e falla cuocere ancora un po’ mescolando il salmone precedentemente preparato con la panna e la cipolla. Porta in tavola e aggiungi ad ogni piatto del prezzemolo per abbellirlo ulteriormente. Piatto davvero ottimo e gustoso.

Come Allenare i Tricipiti

Per allenare i muscoli dei tricipiti, è necessaria costanza e determinazione, non tanto per ottenere i risultati dei tanto ambiti culturisti, ma per ottenere maggiore forza ed autonomia muscolare, per raggiungere quindi un benessere e meno fatica quotidiana.

Procurarsi dei pesi da 1 kg. fino a oltre 30-40 kg. a seconda delle proprie possibilità fisiche. Procedere effettuando un riscaldamento generale del proprio corpo e della muscolatura specifica da allenare, ovvero dei tricipiti. Successivamente, impugnare un peso, dopo aver preso la corretta posizione.

Meglio se davanti ad uno specchio, per poter controllare la corretta postura, in piedi a schiena dritta (evitando di inarcarla all’indietro per il peso però!), sollevare il braccio con il peso impugnato e fare in modo quindi che sia in posizione verticale rispetto alla nostra posizione. A questo punto, iniziare ad abbassare pian piano il braccio.

Restare in tensione muscolare fino ad arrivare alla posizione di 90 gradi gradi per poi ritornare alla posizione di partenza, cioè con braccio teso e verticale. Lo spostamento lento sarà faticosa, a seconda del peso scelto e delle proprie predisposizioni fisiche per reggerlo. Ripetere l’esercizio anche per l’altro braccio. Fare 3 sessioni da 10 per ciascun braccio. Evitare bruschi movimenti incontrollati, in quanto si potrebbero avere degli strappi muscolari.

Come Preparare la Pasta ai Quattro Formaggi

Apprezzi il formaggio e vuoi preparare un piatto semplice, veloce e buonissimo? Se hai dei formaggi che stanno per scadere o semplicemente hai voglia di mangiare qualcosa di gustoso senza impiegare troppo tempo, ho la ricetta che fa per te. Fidati è semplicissimo.

Occorrente
Gorgonzola
Taleggio
Fontina
Penne rigate

Io uso quasi sempre gorgonzola, taleggio e fontina, ma scegli i tuoi preferiti tanto il risultato sarà uguale! Devi tagliarli in tanti pezzetti e metterli in un pentolino a fuoco basso e lascia che si sciolgano stando attenta a non farli bruciare o cuocere troppo. Di regola bastano solo pochi minuti.

Nel frattempo prepara la pasta, metti una pentola sul fuoco, aggiungi del sale e quando bolle l’acqua versa la pasta. L’ideale sono le mezze penne rigate, ma decidi tu quale tipo scegliere.
Quando la pasta è pronta la scoli e la rimetti nella pentola. Nel frattempo i formaggi saranno sciolti, aggiungili alla pasta pronta e mescola il tutto.

Servi la tua pasta aggiungendo grana in abbondanza. Consiglio inoltre come abbellimento di cospargere il piatto con del prezzemolo tritato e delle foglioline di basilico. Impiegherai non più di mezz’ora per preparare questo primo, sei sicuro che piacerà a tutti e che verrà bene, quindi utilizzalo anche se hai degli ospiti per cena, non farai brutta figura!
Pubblicato in: Mangiare e bere » Cucina e ricette