Browse Category: Casa

Come Tenere in Ordine l’Armadio

Chi non ha mai sognato un armadio con tutti gli indumenti in ordine come se si trovassero all’interno della boutique dove sono stati acquistati. Solo che spesso questo risulta un’utopia difficile da realizzare: eppure basta un po’ di impegno per riorganizzare il tuo guardaroba. Ecco come fare.

Avere il proprio armadio in disordine, oltre che sgradevole esteticamente, ti fa perdere più tempo per vestirti, visto che scegliere gli abbinamenti diventa a volte un’impresa titanica, e ti fa incorrere in degli strafalcioni, come quello di acquistare un doppione che possiedi già, ma di cui ti eri dimenticato perché posto in fondo all’armadio da chissà quanto tempo.

Per prima cosa puoi votare l’armadio e fare una scelta dei capi, eliminando quelli che non metti da almeno tre stagioni: se sono ancora in condizioni discrete puoi darli in beneficenza oppure venderli tramite qualche sito apposito su internet. Quindi inizia a mettere tutto in ordine: copiando l’allestimento di un negozio di boutique puoi dividere gli indumenti che possiedi per tipologia separando quelli che usi tutti i giorni da quelli che indossi per le grandi occasioni.

Puoi anche dividere la lingerie, questa volta meglio per colore, in modo che ti sarà più semplice e veloce trovarli ed abbinarli: cerca anche di usare un appendiabito per ogni capo, in modo da non farlo troppo stropicciare. A tal proposito è meglio che non adoperi le grucce di lavanderia, ma che usi grucce più solide dotate anche di barra, in modo da riporre così anche i completi ed i tailleur. Per le gonne ed i pantaloni singoli, puoi usare le grucce a pinza, appesi per l’orlo. Le camicette, infine, restano impeccabili solo se riposte in grucce che hanno la stessa larghezza delle spalle della predetta camicia, e se vengono abbottonati i primi bottoni.

Come Tenere Lontani gli Insetti

Di seguito ti suggerisco, per ogni insetto, il metodo più indicato per allontanarlo dalla tua vista! La zanzara, la più fastidiosa fra tutti, che non ci da tregua nè di giorno nè di notte, starà lontana dai tuoi balconi e dalle tue finestre se nei tuoi vasi, oltre ai fiori, colteiverai anche qualche pianta aromatica, come per esempio il basilico, la menta e il rosmarino.

Per allontanare i mosconi che, come le zanzare, sono fastidiosi e inoltre sono veicoli di infezioni, ti consiglio di coltivare di coltivare la Lippia citriodora comunemente conosciuta col nome di limoncina. Un arbusto che ti consiglio di coltivare e di posizionare nella vicinanza degli ingressi dei balconi perchè i mosconi odiano il suo profumo!

Le vespe, non sono moleste quanto i primi due colleghi, ma fanno ancor più paura perchè se molestate possono assalire in gruppo con conseguenze anche gravi. Quindi è meglio tenerle lontane da noi! In che modo? In un modo semplicissimo poni in un angolino del giardino o del balcone un contenitore con un po’ di miele, saranno attratte da questo e si terranno alla larga da te.

Le formiche sono più facili da tenere a bada, spargi qualche fettina di limone all’ingresso del balcone e il gioco è fatto.

Come Tenere Lontane le Formiche

Se hai la casa invasa da insetti o formiche, è consigliabile evitare di adoperare insetticidi pericolosi per eliminarli, specialmente se hai bambini, spesso incoscienti e ingenui. In questa guida ti spiego come eliminare questi fastidiosi animaletti senza ricorrere a pesticidi chimici.

Ci sono tanti trucchi per evitare il problema: mettiamo a macerare in acqua per circa tre o quattro ore delle foglie di pomodoro. Dopo avere atteso la macerazione, devi provvedere a lavare il pavimento o le superfici interessate, con questo composto preparato. In alternativa ad acqua e foglie di pomodoro puoi adoperare acqua e limone.
desso dopo avere lavato accuratamente le superfici interessate dal problema, dobbiamo munirci di borotalco. Prendete il borotalco in abbondanza e spargete in tutte le zone interessate. Gli insetti non moriranno, ma si guarderanno bene dall’attraversare quella zona che rimarrà off limit per qualche tempo.

Altre sostanze naturali che puoi usare perché poco gradite da questi insetti fastidiosi sono la cenere, il pepe, la canfora, i fondi di caffè. Puoi anche preparare un insetticida generico con un infuso di foglie di ortica a cui aggiungere, facendo bollire per un quarto d’ora, un cucchiaio di polvere di peperoncino rosso.

Come Funziona la Pressa da Stiro in Casa

La pressa da stiro è conosciuta come strumento professionale, ormai sono però disponibili anche modelli destinati all’utilizzo casalinga.

In questa guida spieghiamo come funzionano le presse da stiro e quali sono i vantaggi e gli svantaggi da considerare.

pressa-stiro

Spiegato in modo semplice, la pressa da stiro funziona tramite due grandi piastre, una sotto che rimane fredda e su cui si posiziona il vestito da stirare e una sopra che si scalda e si abbassa.
Il vantaggio principale è quindi nella comodità.
Il dispositivo permette di stirare stando comodamente seduti su una sedia, senza fatica.

Un altro vantaggio è da individuare nella qualità della stiratura, superiore a quella di un ferro da stiro di medio livello.
Inoltre bisogna considerare che l’ingombro degli indumenti o della biancheria stirati e schiacciati si riduce, permettendo un risparmio di spazio.
L’ultimo vantaggio da considerare è la versatilità, la pressa da stiro infatti permette di stirare tutti i tipi di indumenti.

Troviamo però anche svantaggi da considerare.
In particolare stirare bene vicino a pieghi e cuciture richiede molta pazienza. Per ottenere un risultato valido è infatti necessario distendere con molta attenzione il tessuto, un’operazione che richiede tempo a chi è meno esperto.
Da considerare poi l’ingombro, le presse da stiro occupano uno spazio maggiore rispetto al ferro da stiro e spesso sono pesanti. Bisogna quindi valutare se si ha lo spazio necessario in casa.

Come detto in precedenza, sul mercato sono disponibili vari modelli, con prezzi e prestazioni di tipo diverso.
Relativamente a questo argomento è possibile vedere questo sito con recensioni delle presse da stiro per avere maggiori informazioni.

Senza andare nel dettaglio, prima di scegliere una pressa da stiro bisogna verificare la presenza di alcuni elementi come un sistema anti calcare di qualità, la presenza di piedini in gomma, la disponibilità di un sistema di autospegnimento e uno schermo che permette di selezionare i programmi in modo semplice.

Come Pulire Piastrelle del Bagno

Quante volte ti sarà capitato di guardare le piastrelle del bagno e di notare tra le giunzioni delle pistrelle stesse, residui di sporco e di muffa, e di non sapere come fare per poterle pulire. In questa guida ti darò dei consigli per poter effettuare la pulizia delle giunzioni correttamente.

Innanzitutto per evitare che le giunzioni fra le piastrelle si sporchino rapidamente ti consiglio di pulirle regolarmente con un detergente tradizionale, anche se a mio avviso, è necessario aerare bene il locale dopo il bagno o la doccia. Se nelle giunzioni c’è della muffa, in questo caso potrai eliminarla con una soluzione di candeggina (1 parte di candeggina per 5 parti di acqua), che dovrai poi spruzzare sulle giunzioni.

Per la pulizia quotidiana è molto efficace il vapore. In questo caso è possibile vedere questo sito sulle scope a vapore in cui è spiegato più nel dettaglio come utilizzare questi strumenti.

Se anche dopo la pulizia le giunzioni rimangono sporche, in questo caso dovrai utilizzare un detergente specifico per giunzioni. Naturalmente per la pulizia vera e propria hai bisogno di una spugna, mi raccomando presta molta attenzione ai detergenti per giunzioni, ti consiglio di usarli soli in casi eccezionali e non per la pulizia settimanale o mensile.

Qualora le giunzioni fossero veramente danneggiate, potrai utilizzare la barbottina per rabbocchi mescolata con dell’acqua. Successivamente dovrai applicare questo composto con un raschietto di gomma sulle giunzioni. Quando la barbottina ha fatto presa, dovrai ripulire le piastrelle con una spugna. Spero di esserti stata d’aiuto.